Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Home page
Scopri come vivere al meglio tutto ciò che offre la provincia di Monza e Brianza.

QUESTA PAGINA   stampa questa pagina  Invia ad un amico 
Condividi

Argomenti in evidenza

Le colline di Montevecchia

Il Parco di Montevecchia e della valle del Curone ha una superficie di circa 2400 ettari che comprendono aree di grande interesse ambientale, centri urbani, insediamenti produttivi, aree agricole, monumenti architettonici di valore storico-artistico.

>>>

Newsletter

Monza  |  Oggi, LUN. 24.11 Nubi sparse
MAR. 25.11
Pioggia debole
MER. 26.11
Pioggia
GIO. 27.11
Pioggia
VEN. 28.11
Pioggia

Meda

A Meda si trova uno dei più prestigiosi monumenti di tutta la Brianza: la Chiesa di S. Vittore.

 

Il tempio sacro, che sovrasta piazza Vittorio Veneto, è il più antico edificio religioso del paese (1520), e testimonia l'esistenza del secolare monastero femminile, attorno al quale nacque e si sviluppò il borgo. La chiesa, coi suoi affreschi, costituisce un importante esempio di arte rinascimentale lombarda; si ritrovano opere di Bernardo Luini e della sua scuola, di Giulio Campi e di Giovan Battista Crespi detto Il Cerano.

Il Santuario del S. Crocifisso conserva il nucleo originale dell'antica parrocchiale seicentesca di S. Maria Nascente; rimaneggiato nei secoli, l'aspetto architettonico attuale dell'edificio è del 1893.

 

La duecentesca chiesetta dedicata ai SS. Nazzaro e Celso è l'unica delle 5 dell'antica Farga elencate dallo storico Goffredo da Bussero (XIII secolo) giunta sino ai nostri giorni.

 

Meda

 

Uno dei complessi architettonici più rappresentativi della Brianza è Villa Antona Traversi, che contribuisce ad arricchire il già suggestivo scenario di piazza Vittorio Veneto.Fu costruita trasformando in residenza nobiliare di stile neoclassico uno dei più antichi luoghi sacri della Lombardia: il Monastero femminile di S. Vittore, fondato nel IX secolo e soppresso nel 1798 da Napoleone.

I lavori furono affidati, all'inizio dell'800, all'architetto austriaco Leopold Pollack, che mantenne la chiesa di S. Vittore annessa alla villa.

Splendide le sale neoclassiche del pianterreno, la Sala del Coro, con affreschi del Luini e della sua scuola, e l'archivio storico, uno dei più importanti archivi privati lombardi.

 

Approfondimenti

La Chiesa di Santa Maria

I boschi di Meda