Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Home page
Scopri come vivere al meglio tutto ciò che offre la provincia di Monza e Brianza.

QUESTA PAGINA   stampa questa pagina  Invia ad un amico 
Condividi

Argomenti in evidenza

Le colline di Montevecchia

Il Parco di Montevecchia e della valle del Curone ha una superficie di circa 2400 ettari che comprendono aree di grande interesse ambientale, centri urbani, insediamenti produttivi, aree agricole, monumenti architettonici di valore storico-artistico.

>>>

Newsletter

Monza  |  Oggi, DOM. 20.04 Pioggia
LUN. 21.04
Pioggia
MAR. 22.04
Pioggia e schiarite
MER. 23.04
Sereno
GIO. 24.04
Poco nuvoloso

Carate Brianza

A Carate Brianza degna di nota è Villa Cusani Confalonieri, nata probabilmente nel XII secolo come castello con funzioni difensive, e trasformata nel '600 in villa, mantenendo però la torre con merli in cotto di tipo ghibellino. Affiancata al trecentesco Oratorio di S. Maria Maddalena, è ora sede della Biblioteca civica.

 

Villa Sola Busca, detta Il Beldosso, è un'opera architettonica cinquecentesca, trasformata nei secoli successivi con l'aggiunta di elementi barocchi, come lo scalone esterno; ottocentesco è il vicino oratorio neoclassico a pianta centrale.

 

Per quel che concerne gli edifici religiosi, interessante è il quattrocentesco Santuario della Madonna di S. Bernardo, originariamente una semplice cappella dedicata al santo, decorata con un'immagine della Madonna attribuita al Bergognone (XV secolo), ed incorporata nel 1589 da un oratorio. Ottocentesca è la chiesa dedicata ai SS. Ambrogio e Simpliciano, di cui in origine esistevano due chiese distinte. Qui si possono ammirare opere di artisti come il Malosso e Francesco Hayez, oltre a quelle di anonimi artisti del XVII secolo.

Carate

L'edificio più importante di Carate è, tuttavia, la meravigliosa Basilica dei SS. Pietro e Paolo ad Agliate, uno degli esempi più significativi di architettura romanica in Brianza.

 

Nella frazione Costa Lambro si trova invece Villa Stanga Borromeo Arese che appare oggi come l'esito di diversi interventi che nella seconda metà dell'Ottocento le hanno conferito un aspetto neorococò.